Bocca sana - Uno studio clinico dimostra la profilassi naturale con bioemsan

25/01/19 Bocca sana - Uno studio clinico dimostra la profilassi naturale con bioemsan

100.000.000.000. E' il numero di batteri che vivono nel cavo orale. Cento miliardi. Un numero inimmaginabile, in realtà. Ci sono molti tipi diversi di batteri che colonizzano le gengive, i denti e la lingua. È importante che questa coesistenza dei batteri - il microbioma - sia equilibrata, perché questo è l'unico modo per proteggere il sistema immunitario da infiammazioni e malattie. Il dentifricio bioemsan serve come profilassi naturale. Può inibire il sanguinamento gengivale e la formazione della placca, come dimostrano uno studio dell'Istituto di batteriologia e micologia e del Policlinico per la conservazione dentale e la parodontologia, entrambi dell'Università di Lipsia.

Per molto tempo i batteri sono stati preceduti dalla loro reputazione di agenti patogeni. Le più recenti scoperte scientifiche dimostrano che un equilibrio microbico equilibrato è della massima importanza per la nostra salute. Questo vale non solo per il nostro intestino o la nostra pelle, ma anche per i nostri denti e le nostre gengive. In parole povere: proteggere i batteri buoni. Tuttavia, se predominano i batteri dannosi, si sviluppano varie malattie.
In bocca, ad esempio, la placca dentale, che consiste in strati complessi. Se le superfici dentali non vengono tenute libere da placca, la placca può causare carie, parodontite e gengivite. La gengivite è un'infiammazione prevalentemente batterica delle gengive.
La giusta cura e profilassi sono quindi essenziali per prevenire la placca, l'infiammazione e il sanguinamento delle gengive. Il dentifricio bioemsan è composto da erbe biologiche di alta qualità e Microrganismi Effettivi. In termini di profilassi, ottiene effetti positivi, il tutto su base naturale senza additivi chimici.

Confronto clinico
Ad oggi, i dentifrici con ingredienti chimicamente attivi sono stati studiati a lungo e non esiste ancora un materiale di studio così ampio sui dentifrici a base di erbe. In relazione alla sua tesi di laurea presso l'Istituto di batteriologia e micologia dell'Università di Lipsia e il Policlinico per la conservazione dentale e la parodontologia dell'Università di Lipsia, Alexander Geidel ha confrontato un dentifricio a base di erbe con dentifrici chimicamente attivi per quanto riguarda la loro efficacia nel controllo della placca e della gengivite. Lo studio è stato avviato dalla Dott.ssa Monika Krüger, Professore Emerito e Direttore dell'Istituto di Batteriologia e Micologia, in collaborazione con il Prof. Dr. Dr. h.c. H. Jentsch. Su suo suggerimento, il dentifricio bioemsan di Multikraft è stato esaminato più da vicino come dentifricio alle erbe.
Nello studio clinico, i volontari sono stati selezionati dalla base pazienti di uno studio dentistico e assegnati casualmente ad uno dei gruppi di dentifrici: un dentifricio triclosan e un dentifricio contenente fluoro e un dentifricio alle erbe - bioemsan di Multikraft. Triclosan è usato in dentifrici a causa del suo effetto antimicrobico, fluoro per proteggere contro la carie. In conformità con le linee guida, i partecipanti al test hanno applicato regolarmente il relativo dentifricio durante la fase di test di 24 settimane.

Valori migliori
Alexander Geidel era interessato, tra l'altro, a come certi valori nella bocca cambiano con l'uso regolare dei rispettivi dentifrici. "L'indice approssimativo della placca (API) è una misura di igiene orale. Come l'indice di igiene orale (OHI), descrive la percentuale di placca per dente. Il Sulcus Bleeding Index (SBI) indica la quantità di punti di sanguinamento dopo un'attenta ispezione delle gengive. L'SBI e anche l'Index Bleeding on Probing (BOP) sono correlati all'infiammazione delle gengive. Più bassi sono i valori di API e OHI (anche di SBI e BOP), più sane sono le gengive", spiega il dentista che esercita a Lipsia.

  • Il valore di SBI è migliorato significativamente in tutti i gruppi dopo 12 settimane (P=0,001 a 0,033).
  • Il valore BOP è stato significativamente più basso in tutto lo studio (da p=0,001 a 0,036).
  • Alla fine dello studio, sono stati registrati valori API e OHI significativamente inferiori per il dentifricio bioemsan rispetto al dentifricio al fluoro (p=0,001 a 0,049).

Nello studio, i risultati dell'efficacia del dentifricio a base di erbe sono stati migliori di quelli dei dentifrici di riferimento. Per quanto riguarda le variabili OHI, API e BOP, i risultati del dentifricio a base di erbe dopo sei settimane sono stati significativamente migliori di quelli del dentifricio al fluoro e leggermente migliori di quelli del dentifricio triclosan. "Penso che i valori significativamente migliori siano basati sulla composizione del dentifricio bioemsan", dice Alexander Geidel.


Efficace senza additivi chimici
Nella sua tesi di laurea, ha concluso che il dentifricio a base di erbe bioemsan è altrettanto efficace nel ridurre la placca e la gengivite quanto i dentifrici convenzionali o contenenti fluoro. È stato dimostrato che il dentifricio bioemsan può inibire la formazione di gengive sanguinanti e placca e ridurre i batteri anaerobici nella saliva.
I risultati indicano quindi che il dentifricio bioemsan è un'alternativa adeguata ai dentifrici chimicamente attivi. Il dentista Alexander Geidel: "Il dentifricio contenente triclosan e fluoro utilizzato nello studio è uno dei dentifrici meglio studiati. In confronto, abbiamo dimostrato che il dentifricio a base di erbe bioemsan inibisce il sanguinamento gengivale e la placca meglio. Questo significa che le persone possono fidarsi del dentifricio bioemsan e persino preferirlo ai dentifrici contenenti triclosan e fluoro".

Multikraft utilizza i cookie per rendere la vostra visita il sito il più piacevole possibile. Usando il sito l'utente acconsente a questo. saperne di più
Essere d'accordo